0

YAWB (Yet Another Wine Blog)

Avatar

Perché un ennesimo blog sul vino? E perché un altro blog che parla di Internet, ERP e tecnologia?

Perché dopo 17 anni di esperienza nel mondo del vino penso che forse sia arrivato il momento di dare un contributo personale, e a più largo raggio alle aziende, agli amici e a tutte le persone che “girano” intorno ad un comparto commerciale, industriale e soprattutto pieno di passione e storia e cultura come pochi altri al mondo.

Avendo parlato con centinaia di persone, imprenditori, viticultori, nel tentativo di introdurre le tecnologie di Lookout the Wine Revolution, ho sempre riscontrato un sentimento di timore, distanza e spesso rifiuto all’ingresso dell’informatica e delle tecniche di controllo di gestione dentro le loro aziende, con motivi che vanno dalla paura di prendere la solita fregatura al fatto che la tecnologia fa a pugni con l’immagine che si vuole dare di legame col terroir, con l’ambiente e con le tematiche “green”.

Ma ancora, perché spendere tranquillamente centinaia di migliaia di euro per un macchinario (ovvio, perché) e poi provare a spendere il meno possibile per il cespite più utilizzato giornalmente in azienda?

Questi argomenti sono spesso da me trattati in master universitari di specializzazione su ICT e vino, e mi capita ogni tanto di raccontare la solita storia in cui “qui l’esperto di informatica è mio nipote”, come dire “no sai mi farò operare da mio cugino che legge Focus”.

Ecco di seguito alcuni temi che approfondirò nei prossimi articoli:

  • Breve storia dei sistemi informatici aziendali

  • Perché un database

  • I sistemi operativi oggi e l’open source

  • Requisiti generali di una buona piattaforma software

  • I sistemi contabili per il vino

  • Gli invii telematici e i registri informatizzati

  • Il controllo di gestione

  • Le applicazioni innovative

  • Perché un xERP e non un semplice gestionale

  • Ho visto cose che voi umani….

Ma metterò in evidenza novità, cose interessanti, ma anche incongruenze in un mondo, quale quello del vino, dove spesso non si riescono a coniugare qualità con efficienza, sacro e profano, costo e investimento e, in generale, sincerità tra vino, emozioni e business.

E se vi farò addormentare, vedete il lato positivo, c’è gente che non riesce a dormire abbastanza.

Michele

P.S. Certo, aprire un blog di 1 aprile…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *