0

I vantaggi di un’applicazione mobile per la rete vendita del settore vino

Negli ultimi anni sono stati sviluppati numerosi software per agenti di commercio e gestione della rete vendita, molti dei quali fruibili anche da dispositivi quali pad e smartphone. Tutto ciò, spesso, a partire da applicazioni open source dotate di interfaccia web specializzata. In alcuni casi, sono anche disponibili app scaricabili e installabili nel dispositivo proprio mobile. Tali applicazioni sono presentate e considerate la panacea per ogni azienda. Ma è veramente così?

La rete vendita del settore vino

Nel mondo del vino esistono tanti agenti che sono dei veri cavalli di razza. Niente PC portatile, a stento un PC fisso per fare le fatture, e poi tanta ma tanta esperienza e modi convincenti, insieme alla passione per il vino e per il proprio lavoro. Quanti agenti mi hanno raccontato di ordini firmati sulla schiena? O di inseguimenti per avere un ok, di appostamenti, di promesse e di “corteggiamenti”, il tutto farcito da mille discorsi su donne, auto e telefonini. E tutto ciò ad un unico scopo: vendere cartoni di vino.
Molti agenti mi hanno spesso detto: “Mi ci vedi tu che mentre inseguo il cliente nel suo ristorante mi apro il pad per completare l’ordine? È follia!”
Bene, allora di cosa hanno bisogno le reti di vendita? Come si possono sfruttare al meglio i sistemi on line per rendere più produttiva l’azione di vendita? Vediamo.

Transazioni e sistemi integrati per applicazioni utili

Innanzi tutto un sistema efficiente deve essere online e transazionale. Per online si intende un sistema ordini e verifica dei dati (vedremo quali) integrato in tempo reale con il sistema informatico aziendale. Come potrebbe un agente capire se un vino è disponibile a magazzino se il sistema non è integrato con la logistica? Molti sistemi informatici ancora oggi hanno applicazioni separate tra gestionale, fatturazione, logistica e sistema statistico, e molto spesso nel passaggio di informazioni tra un sistema all’altro possono passare anche 48 ore! A questo punto ogni informazione disponibile al palmare sarebbe inevitabilmente inutile perché obsoleta. Quindi la scelta numero uno è: sistema integrato, in altre parole, un ERP.

homePoi entra in gioco il “mezzo” trasmissivo, formato dal connubio di linea internet aziendale e segnale del provider di linea per cellulari; un’interruzione di connettività è sempre ad alta probabilità (almeno nel 2015) ed è fondamentale che il sistema palmare, nell’inserimento del dato, non lasci le cose “a metà”; la sicurezza si ottiene tramite pacchetti transazionali, che poi sono gli stessi che utilizzano le compagnie aeree per l’emissione dei biglietti: difficilmente staccheremo un biglietto senza che ci venga addebitata la carta di credito, e questo perché il sistema di prenotazione attende il compimento, con esito positivo, della nostra transazione. Al netto delle funzionalità, quindi, il sistema deve essere integrato in tempo reale con la piattaforma on line e inoltre deve evitare di perdere dati o dare informazioni sbagliate, come se si utilizzasse un sistema di home banking.

Cosa serve all’agente?

Quindi il nostro amico agente, di inserimento di ordini online, non ne vuole sentire parlare. Ma noi glielo diamo! Anche perché magari ottiene maggiori provvigioni o tiene meglio sotto controllo il proprio fatturato. In verità, l’agente prima di arrivare dal cliente si chiederà (o, come spesso capita, telefonerà in azienda) per sapere se:

  • Il cliente ha fatture scadute?statistiche-cliente
  • Quanto è il saldo?
  • Da quanti giorni ritarda?
  • Cosa ha ordinato l’ultima volta?
  • Cosa aveva ordinato l’anno scorso?
  • Quanto fido ha attivo?
  • Cosa l‘azienda mi consiglia di vendere?
  • Devo farmi dare un assegno?
  • Chi devo contattare?
  • Dove si trova il punto vendita?
  • Quell’annata è disponibile?

Ecco le informazioni che servono all’agente! E devono essere disponibili immediatamente, perché mai bisogna chiedere un assegno ad un cliente che ha già pagato, si rischia una cattiva figura. Quindi gran parte delle funzionalità devono ancora risiedere nel gestionale (non scegliete un gestionale che non vi permetta di memorizzare le coordinate longitudine e latitudine) così come è essenziale che il sistema permetta di vedere la giacenza dei magazzini di riferimento. Un buon sistema online deve quindi disporre di una serie di web services che si interfaccino con il sistema aziendale (in altre parole, il database) per mostrare in modo pratico e veloce le informazioni elencate precedentemente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *