2

La dematerializzazione dei registri vitivinicoli

Ormai ci saremmo. Dal primo luglio 2015 le aziende vitivinicole che ne faranno scelta potranno comunicare al SIAN i movimenti relativi all’ingresso e alla trasformazione dell’uva (la famosa dematerializzazione dei registri vitivinicoli). Ma le cose forse non stanno così.


In maniera informale, infatti, il SIAN comunica che il sistema telematico per l’invio dei dati dovrebbe essere pronto nel secondo semestre del 2015, rendendo vana la data di avvio della nuova disciplina. Nel frattempo, molte aziende vinicole italiane si stanno chiedendo come essere pronte all’avvio del nuovo sistema telematico (e quindi nella vendemmia 2016) per evitare di dovere inserire giornalmente a mano i dati di vendemmia sempre nel sistema on line del SIAN.

La nuova normativa sulla dematerializzazione dei registri vinicoli

Perché infatti la normativa non è che sia di molto cambiata. Il decreto “Campolibero” infatti stabilisce, come già era prima, di avere i dati di vendemmia allineati giornalmente, eventualmente visionabili dagli organi di controllo tramite il gestionale aziendale. E di poterli quindi inviare (nel caso del cartaceo era: stampare) ogni 30 giorni. Ovviamente non era però possibile (matematicamente) avere un controllo giornaliero da parte degli organi di controllo, ma adesso la musica cambierà, perché telematicamente verranno immediatamente segnalate le anomalie, come ad esempio la assenza di un invio in un determinato giorno.

Ma quanti gestionali per cantine sono pronti per questo nuovo compito? Prima di affrontare l’argomento, vediamo di parlare un po’ di tecnica..

Registro telematico SIAN

La trasmissione al SIAN dei dati di vendemmia può avvenire secondo due modalità, la cooperazione applicativa e il sistema on line. Detto in altri termini, tramite sistema automatico di invio dal gestionale o “a mano” tramite la piattaforma appunto definita on line. E quindi, il SIAN metterà a disposizione i seguenti strumenti:

1. Un Software di Cooperazione Applicativa che permette lo scambio di dati tra gli Operatori e la PA, utilizzando una porta di dominio per la trasmissione e ricezione dei dati adottando la tecnologia Web Service (XML, SOAP, WSDL) su protocollo HTTP.

2. Una soluzione che prevede la realizzazione di funzioni di input dati esposte sul Portale del SIAN (un software di compilazione manuale)

Tralasceremo la spiegazione della seconda modalità, del resto il software di compilazione ancora non esiste e di conseguenza non avremmo cosa mostrare.

Il sistema di cooperazione applicativa si chiama SiRSoZ e prevede due modalità di comunicazione informatica:

1. “Sincrona” comunicazione tra porte di Dominio: la Porta di Dominio mittente invia un messaggio (richiesta) alla Porta di Dominio destinataria, quindi il messaggio è ricevuto ed elaborato con la formazione del messaggio di risposta. Questo tipo di modalità viene utilizzato per le richieste al sistema SiRSoZ, ossia per le funzioni di interrogazione.

2. “Asincrona Simmetrica” comunicazione tra moduli web service. Questo tipo di modalità viene utilizzato per le trasmissioni dei dati da registrare nel SiRSoZ, ossia per le funzioni di inserimento/aggiornamento e cancellazione delle informazioni sul sistema

In pratica in modalità asincrona invieremo i dati di vendemmia, in modalità sincrona leggeremo risultati, erroristica e quant’altro utile per dialogare col SIAN.

sistema-sirsoz

L’elenco dei servizi esposti è il seguente:

1. Gestione Fornitori (Trasmissione Asincrona)

  •  SoggSiRSoZ per la trasmissione dei fornitori da Inserire/Modificare sul SiRSoZ;
  • GetSoggSiRSoZ Per conoscere l’esito dei controlli formali e logici sui fornitori trasmessi mediante il precedente servizio, nonché degli inserimenti/aggiornamenti effettuati;
  • CancSoggSiRSoZ per la trasmissione dei fornitori da Cancellare sul SiRSoZ;
  • GetCancSoggSiRSoZ Per conoscere l’esito dei controlli formali e logici sui fornitori trasmessi mediante il precedente servizio, nonché delle cancellazioni effettuate.

2. Gestione Operazioni (Trasmissione Asincrona)

  • OperSiRSoZ per la trasmissione delle operazioni di registro da Inserire/Modificare sul SiRSoZ;
  • GetOperSiRSoZ Per conoscere l’esito dei controlli formali e logici sulle operazioni di registro trasmesse mediante il precedente servizio, nonché degli inserimenti/aggiornamenti effettuati;
  • CancOperSiRSoZOutput per la trasmissione delle operazioni di registro da Cancellare sul SiRSoZ;
  • GetCancOperSiRSoZ Per conoscere l’esito dei controlli formali e logici sulle operazioni di registrotrasmesse mediante il precedente servizio, non-ché delle cancellazioni effettuate.

3. Interrogazione Operazioni (Richieste Sincrone)

  • VisOperSiRSoZ Per la richiesta dei dettagli di operazione trasmesse e registrate nel SiRSoZ.

4. Interrogazione Fornitori (Richieste Sincrone)

  • VisSoggSiRSoZ Per la richiesta dei dettagli dei fornitori trasmessi e regi-strati nel SiRSoZ.

5. Interrogazione Prodotti e Giacenza di Magazzino (Richieste Sincrone)

  • VisProdSiRSoZ Per la richiesta dei dettagli delle giacenze di magazzino per prodotto.

6. Interrogazione Operazioni Mancanti (Richieste Sincrone)

  • VisOperMancantiSiRSoZ Per la richiesta dell’elenco delle operazioni non pervenute al sistema in un determinato periodo.

Struttura Dati Web-Service (Documento XSD)

Di seguito è analizzato lo schema xml utilizzato nei web service descritti nel capitolo precedente, dettagliando lo schema e la definizione dei singoli elementi del documento xsd a disposizione dell’utente per il colloquio del sistema e dettagliando le informazioni da trasmettere e/o richiedere ed il loro significato.

Servizio Asincrono Trasmissione Operazioni di registro per Inserimento e Aggiornamento

Le operazioni di seguito descritte, sempre in modalità asincrona, sono finalizzate alla trasmissione da parte dell’operatore di filiera delle operazioni di carico/scarico (entrate, uscite e lavorazioni) per ciascun Deposito/Stabilimento identificato da un CODICE ICQRF.

Per entrate ed uscite si intendono i carichi e gli scarichi di sostanze zuccherine nello stabilimento/deposito (la produzione, le giacenze, i trasferimenti da o ad altro deposito/stabilimento, le introduzioni, le vendite, le perdite).

Per utilizzazioni si intendono gli scarichi di sostanze zuccherine impiegate nella prepara-zione di altri prodotti.

Le vendite al minuto di sostanze zuccherine effettuate dai grossisti sono annotate sul registro di carico e scarico distinte per operazione, precisando il nominativo e il recapito dell’acquirente.

Ad ogni operazione è assegnato un codice per ognuno dei quali si prevede la compilazione di specifici campi obbligatori e facoltativi.

Per tutti i codice operazioni previsti, vale la stessa logica di trasmissione asincrona descritta per i servizi di trasmissione della gestione dei fornitori/destinatari.

Tali Servizi consentono la creazione di un registro telematico e l’aggiornamento dello stesso. In caso di errore sarà infatti possibile ritrasmettere le informazioni che risultano non corrette con le variazioni da apportare al registro telematico mediante una nuova fornitura.

L’utente indica nella fornitura il tipo di servizio richiesto (Inserimento o aggiornamento delle operazioni di registro).

Come si attua praticamente la dematerializzazione dei registri vitivinicoli

Veniamo a noi, e cerchiamo di capire a che punto siamo noi di LookOut per lo sviluppo della piattaforma. In verità siamo pronti sin dalla prima versione (1999). Infatti, il problema non è inviare i dati giornalmente al SIAN (come visto, esisterà un sistema compilabile manualmente) ma avere sempre i dati pronti da inviare.

automatismi-registro-vinificazioneLa nostra sofisticata gestione dei registri telematici, che parte dalla definizione delle cosiddette causali cantina legate al prodotto uva e che permette di automatizzare la definizione delle righe del registro di vinificazione conferimento per conferimento elimina la necessità, come avviene per altri software, di dover immettere manualmente dati riassuntivi, generalmente per vitigno, e spesso slegati dalla gestione del fornitore. Poi, attraverso un software (“Declassamenti Uve”) che permette di lavorare su fornitore, su appezzamento, su vitigno o su codice vino, con semplici clic l’operatore può lavorare sulle rese e sugli altri parametri di ogni singolo conferimento o di tutti i dati di vendemmia, operando anche sui declassamenti, con la possibilità di tornare indietro sulle scelte fino ad avere una situazione perfettamente allineata tra magazzino (uva nelle sue varie fasi di trasformazione) e registri.

Starà qui la difficoltà, avere i dati aggiornati giornalmente, e nel caso di un controllo saranno dolori.

Noi di LookOut siamo pronti.

2 Comments

  1. Salve, è vero che è stata prorogata la data del 01/01/2016 per il ritardo di pubblicazione dei tracciati ?

    • Sebbene nulla di ufficiale sia comparso, al wine2wine il responsabile del progetto ha detto che la nuova data prevista è l’1 novembre 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *