0

dematerializzazione registri vinicoli: tutto cambia? Ci chiediamo quando finirà questo tormentone

Dal sito del SIDematerializzazione-registri-vitivinicoliAN, tra le news, si legge la seguente notizia (andare al link sotto) legata alla dematerializzazione dei registri vinicoli , e che molti non hanno pienamente compreso. La spiegazione è una sola: era stato messo in piedi un sistema con molte, troppe falle. Quello che leggete sotto è nato dallo sforzo di Assosoftware insieme a noi software house che finalmente dopo più di un anno di proteste hanno convinto i responsabili di progetto a vedere le loro posizioni. La dematerializzazione dei registri vinicoli è un’operazione complicata che si è voluta presentare semplice ma della quale molti degli attori in causa non avevano visto le conseguenze, soprattutto della possibile cattiva figura.

LookOut, azienda leader e realizzatrice dell’unico ERP software cantine progettato apposta per il settore, continuerà a seguire attentamente la vicenda e ad aggiornare i propri clienti.

http://www.sian.it/portale-mipaaf/dettaglioNotizia.jsp?iid=870&categoria=N

20/07/2016

Al fine di semplificare la modalità di registrazione delle operazioni e recepire le risultanze della sperimentazione condotta di concerto con le organizzazioni di settore in ordine allo sviluppo dell’applicativo informatico, è stata avviata la revisione di tutte le operazioni di registro (per visionare le schede variate, che potranno comunque essere soggette a ulteriori aggiustamenti, seleziona questo link).
Le variazioni riguardano, in particolare, la nuova gestione del campo esonero/deroga, l’introduzione del codice partita nella designazione del prodotto e alcuni attributi divenuti facoltativi,
Con la nuova versione delle schede operazioni sarà introdotta anche la possibilità di gestire il catalogo dei prodotti vitivinicoli tramite IDProdotto.
Si tratta di un’importante novità che, se da una parte lascia inalterata la logica della definizione del prodotto contestualmente all’inserimento o aggiornamento delle operazioni, conservando tutti i controlli previsti per la sua compatibilità con l’operazione (campi obbligatori, facoltativi e obbligatoriamente assenti) dall’altra introduce la possibilità di identificare un prodotto tramite un codice univoco (costituito da un codice primario e un codice secondario).
L’utilizzo del doppio codice (primario e secondario) consente notevole flessibilita’ in quanto permette di avere differenti prodotti con medesimo codice primario (macroprodotto) e codici secondari differenti raggruppando quindi prodotti con medesime caratteristiche.

E’ previsto un graduale rilascio delle operazioni variate (sia online che web-servici), unitamente alla documentazione tecnica di supporto, a partire dalla seconda decade di settembre.

Fino al completo rilascio di tutte le nuove operazioni potranno esserci dei disservizi a causa della modifica della base dati e della incompatibilità di alcune operazioni rispetto al nuovo protocollo di registrazione.

 

0

Dematerializzazione dei registri di cantina: la Sicilia finalmente nel gruppo di sperimentazione del Ministero delle Politiche Agricole LookOut prende parte alla sperimentazione

LookOut, associata AssoSoftware, è ad oggi l’unica azienda del sud Italia a partecipare alla fase di sperimentazione sul nuovo regime dei registri telematici, coordinata dal Mipaaf. Così come Conte Tasca d’Almerita è l’unica azienda siciliana ad avere aderito al progetto.

Continua a leggere